cane leone tibetano

Mastino tibetano o Do-khyi

Almeno una volta nella vita ognuno di noi è stato vittima del fascino di un peluches irresistibile ed è ciò che accade non appena si ci imbatte in un mastino tibetano, o do-khyi. Questo cane rientra di diritto negli esemplari più ammirati al mondo nonché più costosi. E’ un cane grossa taglia, a pelo lungo e irresistibile. Si lascerà avvicinare e coccolare con estrema facilità e la dolcezza che esprime attraverso gli occhi espressivi conquisterà tutti. L’essenza primitiva che rende questo esemplare robusto è il punto chiave. Per chi voglia un guardiano vigile e attento che non abbia nulla a che vedere con ferocia e aggressività, il mastino tibetano è la scelta vincente.

Origini

Il mastino tibetano ha origini antichissime ed è considerato il progenitore di tutti i monossoidi. Già nella “Mezzaluna fertile” l’uomo era alla ricerca di un cane di grossa taglia a cui affidare il compito di guardiano del gregge. Dalla Mesopotamia, la sua diffusione si protese verso l’India, il Caucaso, l’antico impero persiano, il Nepal e il Tibet. Avendo le testimonianze attribuito l’appartenenza alla razza a un territorio così vasto è chiaro incappare in diverse varietà. Oggi noi conosciamo il mastino tibetano, quello napoletano e quello dei pirenei. Il termine Do-khyi, traducibile come bandog in inglese, equivale al termine cane legato e indica l’appartenenza alla grande famiglia dei mastini tibetani. Questi si dividono in: mastini da nomadi “Brog-khyi”; mastini da monastero “Rong-khyi” e da legare appunto “Do-Khyi”. Anche Marco Polo nell’opera “Il Milione” inserì un’attenta descrizione dei mastini, che definì alti come asini e forti come leoni.

mastino tibetano gigante

Cane tibetano (Foto©Instagram-
doglebronmastiff)

Caratteristiche

Le fattezze fisiche costituiscono da sempre il vessillo del mastino tibetano. E’ un cane di grossa taglia, sebbene non sia enorme, tozzo e a pelo lungo. Un misto tra un piccolo orso e un leone. In genere misura 66 cm di altezza e il peso oscilla dai 64 agli 80 kg. La coda è arrotolata su un lato, la testa è leonina e il muso schiacciato e largo. Questo cane è straordinariamente dolce, e in questo senso giocano un ruolo fondamentale gli occhi. Espressivi, docili ed estremamente affettuosi. Un po’ a voler rimarcare il carattere del tibetan mastiff. Il pelo copre l’intero esemplare ed è molto più denso nei maschi. Il colore del manto è nero focato ma ci sono mastini tibetani completamente neri, decorati con una macchia bianca o addirittura rossi.

Temperamento

Docili, tranquilli e sempre pronti a sonnecchiare. I mastini tibetani, a dispetto delle fattezze imponenti, sono dei veri e propri animali da compagnia mansueti. Nonostante ciò sono sempre vigili e la casa godrà di un guardiano premuroso. Persino durante il periodo di guardia il verso del tibetan mastiff non risulta aggressivo. Questo esemplare è estremamente affettuoso con tutti, membri della famiglia ed estranei, e con i bambini si dimostrano pazienti e accondiscendenti. Spesso si rivelano con questi ultimi dei veri martiri. Ecco perchè sono perfetti per le famiglie numerose o per chi ha già altri animali domestici. Nonostante la dolcezza, il tibetan mastiff, si rivela molto felino nei confronti delle coccole, che preferisce ricevere con parsimonia e solo dal proprio padrone. Ecco perché spesso si vedrà impigrito di fronte alle carezze altrui, che comunque accetterà con educazione. E’ importante sapere che questo gigante buono necessita di socializzazione costante ed è legato fedelmente al padrone. Non è adatto quindi a chi passa troppo tempo fuori casa.

Come allevare un mastino tibetano

Questo cane dalle sembianze leonine, dal carattere accondiscendente, e dai modi felini nei confronti delle coccole, ha un’essenza primitiva che gli conferisce forza e robustezza. Sarà difficile che un esemplare di mastino tibetano si ammali e l’allevamento di questo cane si rivelerà un gioco da ragazzi. Soprattutto per quanto riguarda l’addestramento, essendo una razza incline all’obbedienza.

mastini del tibet

Mastino del tibet (Foto©Instagram-nataliavihrova)

Alimentazione

Il primo pensiero quando si sceglie di adottare un cucciolo di mastino tibetano è la consapevolezza di quanto diventerà grande e quanto dovrà mangiare. L’alimentazione per questo cane è di fondamentale importanza ed è necessario non sottovalutarla. Quando è cucciolo, e fino ai 18 mesi, deve essere alimentato con poche proteine e un corretto rapporto di calcio/fosforo. E’ consigliata una piccola restrizione alimentare affinché si possa garantire una crescita regolare. Questo perché un’alimentazione ipercalorica, errore che può essere ricondotto alla grandezza dell’esemplare, può portare all’obesità. La crescita del mastino deve essere lenta e regolare. Costante ed equilibrata. Da adulto non ci sono particolari accortezze, bisogna però tenere presente il fatto che ha un metabolismo molto lento. Ecco perché è sempre opportuno affiancarsi al medico veterinario per una corretta alimentazione.

Alloggio

L’alloggio per il mastino tibetano è un problema più per i padroni che per i cani in sé. Si direbbe, a causa della stazza, che chiaramente in appartamento non potrebbe o dovrebbe stare ma necessiti di spazio aperto o comunque ampio. Nonostante ciò il tipo di alloggio va attribuito alla capacità di gestione e problem solving del padrone. Questo perché il tibetan mastiff è di natura calmo, tranquillo e anche pigro. Per cui non desta sorpresa, in un appartamento, che lo si veda sonnecchiare in un angolo e crei meno danni di un chihuahua. Detto ciò è chiaro che è preferibile non costringerlo in spazi ridotti.

Igiene e cura

Il manto corposo del mastino tibetano può creare timore ma la toelettatura non è nulla di più semplice. Basterà infatti spazzolarlo solo due o tre volte alla settimana. Il manto non emana cattivo odore ma bisognerà fare attenzione durante il periodo di muta ed eseguire qualche spazzolata in più, preferibilmente quotidiana, per rimuovere il pelo morto. E’ importante curare l’igiene dell’apparato uditivo attraverso l’utilizzo di una salvietta o di un dischetto. Ed è necessario fare non più di due bagni l’anno, facendo attenzione alla scelta dello shampoo.

Per acquistare spazzole, salviette, shampoo specifici e tutto ciò che concerne l’igiene quotidiana di questo meraviglioso cane consigliamo una visita su ferplast.com, sito specializzato nella vendita di accessori e prodotti per cani.

molosso tibetano

Mastiff tibetano(Foto©Instagram-nataliavihrova)

Addestramento

Addestrare questo cane leonino può rivelarsi un gioco da ragazzi a causa della naturale propensione all’obbedienza di cui è dotato. E’ importante però sapere che il carattere è tanto docile quanto forte per cui sarà il padrone stesso a viziare e addestrare l’esemplare. Se il tibetan mastiff è addestrato fin da subito alla socializzazione, sarà una spalla sicura per estranei e bambini. Contrariamente potrebbe uscire fuori una vena distaccata e imprevedibile. Difficile poi da gestire.

Accoppiamento

Come ogni cane che si rispetti, prima di procedere a un eventuale accoppiamento è necessario essere certi che il l’esemplare abbia raggiunto la maturità sessuale. Il tibetan mastiff giunge al suo completo sviluppo a 3 – 4 anni se femmina e non prima dei 4 anni se maschio. Soltanto allora si potrà procedere con il corteggiamento e la monta. La gestazione è di 58 – 68 giorni. E’ importante, una volta nata la cucciolata, abituarli alla socializzazione.

Malattie e cure

L’essenza primitiva è il suo punto di forza per salute e longevità. In quanto cane robusto, in età adulta, è difficile che si ammali mentre da cucciolo si consigliano le vaccinazioni a cimurro, parvovirosi, leptospirosi e rabbia. Gli occhi vanno monitorati a causa della forma della palpebra, ma se dovesse presentarsi questo tipo di problema può essere risolto con un piccolo intervento chirurgico. Una malattia che è stata riconosciuta ereditaria nel tibetan mastiff è la neuropatia ipertrofica. Si tratta di una malattia già evidente nelle prime 8 settimane e rallenta movimenti e riflessi nell’esemplare.

tibetan mastiff prezzo

Mastino tibetano rosso(Foto©Instagram-fraxy)

Quanto vive in media

Come già anticipato il mastino tibetano ha un’essenza primitiva che gli conferisce forza e robustezza. Ecco perchè le aspettative di vita legate a questo esemplare sono alte. Un ruolo importante viene giocato dal fatto che difficilmente si ammalano e dall’alimentazione. In media questo esemplare vive dai 14 ai 15 anni.

Pastore tibetano: prezzo

Una curiosità legata a questa razza è che proprio un mastino tibetano ha conquistato il titolo di “cane più costoso del mondo”. La cifra da capogiro ammonta a 1,4 milioni di euro ed è stata spesa durante la fiera di Zhejiang, in Cina. Ovviamente quando adottiamo un cucciolo di tibetan mastiff voliamo decisamente più bassi: il costo, infatti, si aggira dai 1.300 euro ai 2.000.

mastino tibetano carattere

Allevamento mastino tibetano(Foto©Instagram-yilmazirina)

mastino tibetano carattere

Allevamento mastino tibetano(Foto©Instagram-yilmazirina)

17,98€
22,99
disponibile
1 nuovo da 17,98€
Amazon.it
Spedizione gratuita
11,99€
16,99
disponibile
2 nuovo da 11,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
13,89€
disponibile
1 nuovo da 13,89€
Amazon.it
Spedizione gratuita
167,99€
disponibile
2 nuovo da 167,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
48,95€
disponibile
2 nuovo da 32,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
14,97€
15,69
disponibile
2 nuovo da 14,97€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 5 Aprile 2020 05:23

Lascia un Commento