advertisement

Burmilla

gatti burmesi
advertisement

Gatto burmilla: una razza di gatto così pregiata e così tanto amata nel Regno Unito che ha meritato addirittura la Fondazione di un fan club di estimatori.

Origini

Il Burmilla è il risultato di un incrocio tra un Burmese e un Persiano. Un incrocio che si deve ad una pura casualità.

Sembra infatti che la baronessa e appassionata allevatrice Miranda von Kirchberg curasse un allevamento di queste ed altre razze di gatti pregiati. Il caso volle che si accoppiassero un Burmese dal mantello lilla ed un persiano Chinchilla bianco. I gattini nati da quest’unione furono così belli e raffinati che la baronessa decise di preservare e migliorare le loro caratteristiche con incroci via via più selezionati. Non a caso, il nome Burmilla è dato dalla fusione di Burmese e Cincilla.
La razza fu esposta per la prima volta nel 1983 e da lì fu conosciuta ed apprezzata in tutta la Gran Bretagna e poi nel resto del mondo.

gatto burmilla
Cat burmilla (Foto©Pixabay)

Descrizione

Questo gatto di taglia media, dal tronco largo e dalla massiccia muscolatura, può non sembrare a prima vista, ma è dotato di grande agilità ed eleganza. Il pelo è tipped, cioè con una colorazione diversa tra la base e la punta del pelo, mentre il sottopelo è argentato. Il mantello può assumere svariate sfumature di colore, ma sono ufficialmente accettate solo sei diverse cromature: chocolate, black shaded, brown tipped, lilac, light chocolate tipped e lilac silver shaded.

Caratteristiche

La prima cosa che colpisce del Burmilla sono gli occhi. Al di là delle sfumature di colore, che vanno dal verde smeraldo brillante ad un intenso color oro, colpisce il disegno. Sul bordo esterno sono infatti presenti due righe scure, quasi fossero righe di eyeliner, che accentuano notevolmente le iridi e la profondità dello sguardo. Il tutto adornato da una testa rotonda dalle guanciotte piene e dal naso minuto che scioglierà anche i cuori più duri.

È tipico di questa razza anche il disegno a M sulla fronte, ai cui lati svettano due orecchie di grandezza media leggermente inclinate in avanti. La spessa coda si affusola verso una punta arrotondata.

Temperamento

Del Burmilla tutto si può dire tranne che sia un gatto pigro. Difficilmente lo si vedrà sonnecchiare fermo e immobile per tutto il giorno in un angolo della casa. È un micio agile e molto dinamico che adora esplorare. Si dimostra poi un perfetto gatto da compagnia. Ama infatti vivere col padrone da cui ricerca costantemente le attenzioni. Con le giuste coccole si dimostra un gatto estremamente affettuoso.

burmilla gatto
Burmese burmilla (Foto©Pixabay)

Burmilla: il rapporto con il padrone

Le attenzioni, quindi, non devono mai mancare, ma verrà facile una carezza in più quando si verrà ricompensati con tante fusa e tanta dolcezza. La sua estrema vitalità lo rende un gatto più adatto ad un padrone energico e meno impegnato, che abbia il giusto tempo da dedicargli per soddisfare i suoi bisogni primari.

Burmilla: il rapporto con i bambini

Dato il suo bonario temperamento e la sua estrema vivacità, si dimostra un ottimo gatto ‘a prova di bambino’. Adorerà rincorrere e giocare e si dimostrerà protettivo e paziente. Questo fintantoché al bambino saranno impartite un minimo di regolette e si manterrà un’attenta supervisione.

advertisement

Burmilla: il rapporto con gli altri

Vanitoso come pochi, il Burmilla non mostra alcuna diffidenza anche con gli estranei che saranno solo un motivo in più per poter stare al centro dell’attenzione.

Burmilla: il rapporto con gli altri animali

Come la maggior parte dei soggetti espansivi ed energici, che poco si trovano con tipi con lo stesso temperamento, il Burmilla preferisce la compagnia di gatti di specie diverse rispetto alla sua. Con le giuste modalità si può superare anche l’ostacolo della convivenza con la stessa specie.
Per quanto riguarda i cani, la sua socievolezza lo predispone ottimamente alla convivenza. Ovviamente deve essere stata impartita la giusta educazione ad entrambi gli animali, già in tenera età.

gatto burmilla
Gatto burmilla (Foto©Pixabay)

Come allevare un Burmilla

Il Burmilla si dimostra anche un gatto molto equilibrato e molto facile da allevare. Unica accortezza è che, essendo un coccolone, quando si sentirà trascurato potrà rivelarsi impertinente e lamentoso. Gli incessanti miagolii cesseranno solo finché non avrà la giusta dose di coccole.

Alimentazione

Nonostante sia un gatto dinamico ha una forte tendenza all’obesità. Si dovrà quindi verificare attentamente che la sua alimentazione sia equilibrata e che il cibo sia di qualità. Meglio evitare cibo non specifico per i gatti e fare in modo che abbia la possibilità di un quotidiano esercizio fisico.

Alloggio

Preferisce la vita d’appartamento e meno quella rustica in giardino. Data la forte tendenza ad arrampicarsi è consigliabile disporre trespoli e tiragraffi per la casa, per evitare il più possibile possa sfogarsi su mobili e tende.

burmilla gatto
Burmilla (Foto©Pixabay)

Igiene e cura

Il pelo corto non necessita di frequenti spazzolate, se non nel periodo primaverile e autunnale in cui è soggetto alla muta. Essenziale è la cura per gli occhi e le orecchie per evitare irritazioni e infezioni.

Addestramento

L’addestramento sarà una passeggiata. Il docile e vispo Burmilla, si dimostra perfetto per l’apprendimento di regolette e comandi.

Accoppiamento

La Federazione Internazionale Felina, nell’accoppiamento finalizzato al mantenimento della razza, autorizza (oltre all’accoppiamento con gatti della stessa specie) esclusivamente l’incrocio col Burmese inglese, col Persiano e con l’Asian.

Malattie e cure

Si è già parlato del rischio obesità, da prevenire con una giusta alimentazione e una regolare attività fisica. Purtroppo, questa razza ha ereditato dal persiano la policistosi renale, un’insufficienza del rene che si manifesta prevalentemente nel gatto adulto e che va curata tempestivamente da un bravo veterinario.
Dato il sottopelo modesto il Burmilla non tollera il freddo ed è meglio evitare di esporlo a climi troppo rigidi e a violenti sbalzi di temperatura.

Quanto vive in media

Con le dovute attenzioni, una sana alimentazione e adeguate cure veterinarie, la speranza di vita del Burmilla può arrivare anche intorno ai 15 anni.

Burmilla: prezzo

Il prezzo varia a seconda dello standard di razza, del pedigree e del sesso. Il costo di un cucciolo può oscillare tra i 1000 e 1.500 €. Questo anche a causa della scarsità di allevamenti presenti nel nostro territorio.

advertisement
9,99€
12,41€
disponibile
as of 28 Settembre 2022 11:28
5,94€
7,79€
disponibile
4 new from 5,94€
as of 28 Settembre 2022 11:28
1,19€
disponibile
as of 28 Settembre 2022 11:28
1,79€
disponibile
as of 28 Settembre 2022 11:28
17,90€
disponibile
2 new from 17,90€
as of 28 Settembre 2022 11:28
8,62€
disponibile
as of 28 Settembre 2022 11:28
5,49€
disponibile
5 new from 5,49€
as of 28 Settembre 2022 11:28
Ultimo aggiornamento il 28 Settembre 2022 11:28

Lascia un Commento

WordPress Image Lightbox